adidas Campus low & high makes history

Matteo Di Nisio

Dennis Busenitz noseblunt slide - photo Sem Rubio

Dennis Busenitz, noseblunt slide • photo Sem Rubio

Scarpa di adidas la Campus assolutamente storica: era usata già nelle sue prime versioni ‘remake’ all’inizio degli anni novanta, vedi video Questionable e Virtual Reality di Plan B oppure Love Child di World Industries, ma ovviamente non nella versione odierna della linea di adidas skateboarding.

adidas campus low grey

Il modello basso è disponibile in due diverse varianti di colore: color ghiaccio con strisce azzurre o tutto nero con strisce bianche. Ispirato alla versione più ‘iconica’ è stato rivisitato per lo skateboarding in pelle scamosciata per maggiore durevolezza, con le tre strisce in cuoio artificiale ed una fodera interna in tessuto morbido e traspirante.

adidas campus low grey details

Il collare è imbottito e la suola è chiaramente vulcanizzata per maggior grip e miglior sensibilità sulla tavola. Il tallone della scarpa è rinforzato da una conchiglia in plastica sottile che migliora ed irrobustisce la costruzione della scarpa stessa ed offre più stabilità al tallone.

adidas campus low black

Inoltre l’itersuola ha un inserto in schiuma morbida per la protezione dagli urti che garantisce comodità assoluta. Ovviamente non poteva mancare la versione alta, qui sotto, per gli ‘appassionati del genere’…

adidas campus high grey

Assicura sicuramente una maggiore protezione della caviglia e per il resto la costruzione della scarpa è con le caratteristiche del modello basso ed sempre disponibile in due varianti: in grigio scuro con le strisce blu o tutta nera con le strisce bianche.

adidas campus high black

Insomma una scarpa solida, storica, skateosissima ed assolutamente bella: da cercare nei migliori skateshop o direttamente sul sito adidas.

Latest Posts

Pubblicità
Read also