Blast! The Big One 2013

Osde

 

Classicone della Brianza edizione 2013: Blast! The Big One, giunto alla sua quarta edizione.

In un periodo in cui gli skateboarding contest risultano essere leggermente in declino dal punto di vista della partecipazione, sia attiva che passiva, devo piacevolmente dichiarare che il the Big One quest’anno ha funzionato alla grande.
Rispetto alle passate stagioni sono stati invitati nuovi volti e anche meno nuovi ma che finora non avevano mai presenziato all’evento.
La classica boccata d’aria fresca, come si suol dire.

Partiamo dalla giornata del Sabato con l’Almost Double Impact Contest, che è stato qualcosa in più rispetto al classico contest per non sponsorizzati: la sponsorizzazione Almost skateboards per un’anno ha fatto gola e spronato gli skater a spingere ma… don’t fuck with Seregno locals! Egemonia dei boys del park, capitanati da Marco Balestreri che se l’è skateata alla grande, chiudendo una serie di manovre che nemmeno lui immaginava. Il doping brianzolo regala emozioni e Blast! gli regala le tavole! Bravo Melkior.
A Simone Chiolerio il doping non serve: fantasia portami via e col sorriso sulle labbra si porta a casa il secondo posto.
Terzo Michele Mauri, che ha dichiarato di essersi fatto una pera di Voltaren prima della gara causa dolori al coccige. Michi, non era Voltaren!

almost

Nahuel Roldan, Nosegrind • Angel Perez, Fs Ollie up, • Federico Lanzarotta, Feeble • William Cinardo, Fs boardslide

 

A fine gara è partita una session sul nuovo hubba posizionato sul gap piccolo.
I trick migliori vincevano free drinks per la serata e quando scatta questa formula a Fabio Montagner e Alex Cageggi viene sempre una sete della madonna!

hubba1

Alvin Francescato, Fs K-grind • Alex Cageggi, Flip Bs 50-50

IMG_8922

 Fabio Montagner, Bs tailslide

Quest’anno il rail è stato veramente preso d’assalto, tanto che alcuni invitati al contest hanno snobbato in pieno il gap.

Fabio Montagner, l’uomo in nero con l’esperienza, non ci sta a farsi scavallare il titolo di capo del passamano dai nuovi stronzetti, il socio veneto Alvin Francescato gli pesta la coda, per caso passa di lì Jacopo Carozzi e butta giù un paio di trick alla prima.

Ma il vero rail master della giornata è Elmehdi Contaki. Già lo scorso anno aveva preso confidenza con il rail, quest’anno, grazie soprattutto alla parrucca afro che si è fatto ricrescere, blasta un fs blunt bigspin out e dice arrivederci a tutti.

IMG_1230

Jacopo Carozzi, Fs Noseslide

rail1

Devis Ficara, Fs tailslide • Fabio Montagner, Nollie K-Grind

elmo

Elmehdi Contaki, Fs Blunt Bigspin out

 

Giungiamo al gap direttamente dal vincitore della passata edizione, Luca Collu. Buttar giù un trick all’altezza del Nollie bs Big Spin Heel dell’anno scorso non è affatto impresa semplice e deve accontentarsi di un più che dignitoso nollie bs heel.

IMG_9316

 

Quest’anno l’aria fresca di cui sopra ha portato un po’ di ‘never been done’ giù dal gap. Uno di questi è stato il 36shove it di Filippo Cilia, che in realtà aveva lasciato in sospeso l’anno scorso. Atterrato alla prima rompendo la tavola, ne ha dovuto cambiare due per portarsi a casa il trick.

cili

 

Marco Lambertucci quest’anno non ha fatto fs flip… No dai, non ditemi che ci avete creduto? In verità uno l’ha buttato giù in practice, per poi concentrarsi su un fs half cab flip che gli ronzava in testa dalla scorsa edizione. Si è visto da subito che l’aveva sotto i piedi e buon Bauli non mente.

IMG_1350

 

Nikolai Danov è stato uno degli skater più determinati che ho visto al contest. Inizia la run con la chiara intenzione di portarsi a casa un cinquantello in palio per uno dei bonus trick e chiude fs bigspin, senza pigliare fiato risale e inizia a poppare nollie hardflip come un nigga incazzato (non ditemi che nollie hardflip non è un trick da nigga!), lo chiude e più incazzato del nigga di prima apre uno sw hardflip che gli gira sotto i piedi dal primo tentativo. Ma il tempo scade altrimenti avrebbe chiuso pure quello.

nikolai

 

A quanto pare quest’anno da Roma son saliti belli infottati! Sai com’è… almeno le spese per il viaggio vorrai ripagartele, no?
Insieme a Nikolai è salito Milo Marra, che la maggior parte della gente del nord non aveva mai visto skateare dal vivo. Dopo il weekend trascorso sarà diventato per molti uno degli skater preferiti. Nella giornata di sabato si è dedicato a blastare la bowl, uscendo con degli air (alley oop fs air nella foto) e dei fs flip da lasciare a bocca aperta, cosa che è riuscito a fare anche la domenica dal gap: dopo un’inizio un po’ tentennante ha iniziato a girare questo fs 360 con pop e decisione che pochi riuscirebbero a mettere da un gap del genere. Pochi tentativi e lo atterra perfetto.

IMG_9237

IMG_2037

Pubblicità
Read also