Meating Indrausen

Non capita tanto spesso di intervistare uno skateboarder che citi Kant nella sua intervista, tantomeno capita spesso di intervistare uno skateboarder come Indro che abbia voglia di spiegare al mondo il perché di una sua convinzione. Non vi spaventate se leggerete parole come: morale, giustizia, diritto naturale e pace assoluta, perché indro è così: il volto di un semplice ragazzo con lo skateboard che non ha paura di affrontare alcune tra le tematiche più pesanti della nostra epoca.
Questa non è una predica vegana, ma di sicuro è una delle cose più intelligenti che leggerete su di una cazzo di rivista di skateboard. Dategli una possibilità, anzi dateVI una possibilità e leggete fino all’ultima parola. This is Indro…

Photo: Osde // Itw: Ale Redaelli // Artwork: Indro Martinenghi

Da quanto tempo non mangi carne e derivati animali?
Sono vegano da circa 2 anni… Il che ovviamente vuol dire che non compro carne, derivati, non indosso pelle, non compro prodotti testati su animali, non supporto (non vado) a nessun congresso (come ad esempio il circo, nonostante io provenga da una famiglia di circensi) e tutelo i diritti degli animali in tutti i modi che riesco.
Dico ‘no’ al comprare cani, ovviamente no allo zoo, no alla pesca PER SPORT, no alla corrida e tutte le stronzate simili…
Bisogna anche sottolineare il fatto che non sono vegano perchè reputo sia sbagliato uccidere animali, ma sul come e sul perchè. Per questo ho scritto no alla pesca come sport, perchè chi deve mangiare e sopravvivere ha delle scusanti per uccidere animali, questo, essendo noi umani onnivori, è la cosa più naturale e normale possibile, per quanto possa reputare sbagliato il sistema della natura. Ma chi sono io per farlo? Beh, andate tranquilli che ho passato tanto tempo a pensarci.

Cosa ti ha spinto a diventarlo?
Il perchè è palese: c’è solo un unico vero motivo per essere vegani: la questione dell’etica animale. Molta gente è veg per altri motivi, come la salute, ma per me loro sono egosti tanto quanto un altro individuo che non è veg.
Un giorno un amico mi ha manato un video sul procedimento per produrre il latte negli allevamenti.
Dopo migliaia di bestemmie e un po’ di buchi nel muro sono immediatamente diventato vegano. Da quel momento sono costantemente in sbatti dalla mattina alla sera. Mi fa cagare tutto quello che mangio e spesso anche quello che indosso. Odio le verdure, la carne e il latte, le uova mi fanno impazzire, sono deliziose e le half cab di pelle sono fantastiche. Ma qui non si parla di questo!
Quello che mi ha spinto a diventare vegano si chiama “obbligo morale”, ne parla anche Kant, è qualcosa che si fa non perchè qualcuno davvero lo sta imponendo, ma perchè si riconosce che deve essere così e basta.
Quello che mi fa incazzare è il fatto che solo poche persone si prendono l’impegno di farlo, altri decidono di sbattersene, perchè? Lo spiegherò più avanti…
La gente di solito mi chiede: ma allora perchè sei vegano? Io non sono del tutto veg, quando la gente sta per buttare o avanzare io mangio (raramente) anche roba non veg.
Non mangio carne e derivati e non supporto economicamente il business; comprando il prosciutto alimento, anche se in piccola parte, l’uccisione dei maiali, il che, ipocritamente, è come se lo facessi io, il mangiare il panino al crudo che è avanzato a Marino non è un supportare il business. Intesi? Siamo umani e onnivori e perciò dovremmo ragionare, ci sono duemila alternative per essere in salute senza mangiare carne e derivati.

Sei uno di quelli che quando è a tavola con gli amici si dedica a prediche o a sermoni?
Cerco di evitare di discutere con persone con cui ho gia parlato e che non sono diventati veg. La gente fa di tutto pur di non risultare crudele e quando mi confronto con loro si inventano qualsiasi tipo di scusante, la prima è “la carne è troppo buona, non riuscirei mai a smettere di mangiarla” questo è ciò che mi dice il 95% della gente con cui parlo dell’argomento, come se davvero pensassero che invece a me la carne non piace; oppure iniziano a dire che mancano le energie, nonostante sappiano che sono vegano e continuo a fare gli slob plant disaster.
Non riescono ad ammettere che non gliene freghi una sega. Come quelle persone (non veg) che si rifiutano di guardare che succede negli allevamenti intensi, continuando a mangiare la carne nella maniera più ipocrita possibile. Che schifo!
Di solito parlo solo una volta alla gente di questa cosa, perchè se uno vuole capire apre gli occhi sull’argomento e quando qualcuno vuol sapere io provo a raccontargli tutto!
Per questo posto su facebook i video sugli animali, perchè, come mi è successo, qualcuno vedendo quello che accade dietro gli allevamenti intensivi, quello che c’è dietro a un orso che va con lo skateboard, si fa due domandine e magari cambia alcune sue abitudini.
Anche io, come fanno tutti, prima guardavo il latte nel frigo: era solo latte nel frigo, poi mi son chiesto: “ne fanno un bel po’ di latte, chissà cosa c’è dietro? Chissà che posti sono, come trattano le mucche, immagino non le mungano più a mano per sfamare miliardi di persone al mondo, no?”
È questo che manca: l’informazione, forse perchè c’è il rischio di ritrovarsi con troppi vegani intorno.

Credi che chi mangia carne sia un idiota?
Chi mangia carne (intendendo chi supporta il business animale di qualsiasi tipo, dal cibo allo zoo) non è idiota, è semplicemente più egoista di chi invece non se ne sbatte il cazzo e se ne preoccupa.
Semplicemente la gente non ha voglia e dice: “io son liberissimo di mangiare carne” e io potrei tranquillamente dire che anche io, seguendo i “principi della natura” di cui tutti parlano quando esce l’argomento vegan, sono liberissimo di ucciderti e mangiarti, ma ovviamente ne uscirebbe uno scandalo. Continui a supportare un tipo di business che sai come funziona? Ammetti pure che è una merda? E te ne sbatti il cazzo? Fanculo allora!
La gente non capisce che gli animali andrebbero tutelati più dell’uomo. Basta solo immaginarsi cosa accadrebbe se oggi sparissero le api… Ma l’uomo se ne fotte.

Qual è la cosa più grave e palese che i carnivori non vogliono riconoscere quando si parla di rispetto degli animali?
Una della tante cose che chi non è vegano continua a non comprendere è che una scelta del genere si fa unicamente per gli animali e per quel “dovere morale” legato a loro. Alcuni si ostinano a prendere in giro chi si fa gli sbatti per tutelare le creature e magari fanno anche finta di amarle, pensando sia giusto comprarle o andando a visitare zoo o cose simili… E non voglio neanche entrare nel discorso pellicce.

Come valuteresti un ipotetico cambiamento radicale nel modo di mangiare, allevare e trattare gli animali che però non preveda la scelta drastica di non mangiare carne e derivati?
Cambio del mondo? E che si intende? Il mondo non cambia e non cambierà. Siamo solo piccole formichine illuse del contrario. Chi prova a fare del “buono” e non è un classico succube del sistema, non butta via tempo, va rispettato, perchè prova a contrastare senza rassegnarsi.

Come vedi il futuro di questo pianeta?
Bah… Tutto è funzionato e sempre funzionerà come la merda. E noi siamo l’ultimo processo, illusi di servire a qualcosa chiudendoci nel granellino infinitesimo di universo a cui apparteniamo. Siamo merde. Pensiamo non sia così, ma di essere intelligenti e che il merito sia nostro.
L’uomo pensa al suo presente, sbattendosene il cazzo di come sarà la sua razza e il suo pianeta, perchè appartiene all’unica razza animale veramente egoista. L’egoismo “cattivo” esiste nel momento in cui puoi scegliere di non essere egoista.
Gli animali, a quanto pare, non hanno possibilità di formulare ipotesi e non posso arrivare a un concetto di egoismo.
L’uomo ha inventato questa parola, quindi il suo significato.
La mia visione è utopicamente pacifista, cercando di donare e di ricevere pace da chi dona e riceve pace e odiare e trascurare chi odia e trasmette odio. “Giustizia” e “pace” si danno a chi distribuisce “giustizia” e “pace”, chi non le merita, bruci all’inferno!

01:05 PM mar, 16 gennaio 2018

Related Posts