DC Italy in Malaga

Photography

TITOLO

La scorsa primavera abbiamo trascorso una settimana tra gli spot di Malaga insieme al team DC Shoes italiano, capitanato dal solido team manager Daniele Galli che ha convocato per l’avventura spagnola Fabio Colombo, Alessandro Cesario, Andrea Casasanta e Jacopo Cervelli, che purtroppo ha dovuto abbandonare il terreno di gara dopo solo un paio di session a causa della classica scavigliata.
Giornate trascorse tra gli spot più famosi della zona e anche quelli meno noti, grazie al prezioso aiuto del local Ale Martinez, del team DC Shoes spagnolo, che ci ha permesso di fare un planning preciso delle skateate senza perdere troppo tempo per spostarci da un capo all’altro della città.
La classica fotta da tour, di scoprire e skateare nuovi spot, è stata il filo conduttore delle nostre giornate, motivando il team a spingere sull’acceleratore trick dopo trick.

Eccovi un riassunto dei best trick fotografati da Osde.

Danny_tailslide

Lo spot è nel letto del fiume in secca che attraversa la città e poco più avanti, percorrendolo, si incontra una specie di DIY che i local hanno messo in piedi è che è subito diventato un punto di riferimento della scena. Si sa che gli NBD hanno sempre fatto gola al Chief e preso dalla fotta che lo contraddistingue ha deciso di baciare con il suo tail il ledge che costeggia questo rollercoaster bank. Ale Martinez, il local che ci ha fatto da sherpa, ha subito etichettato la manovra come la prima fatta su quel muro.

Gummy_ollie

Il fascino di uno spot che non era sulla carta, trovarlo per caso nei pressi dell’autostrada che prendevamo tutti i giorni per raggiungere il centro di Malaga: un piccolo canale in discesa con vari raccordi cementati. Ignorante, grezzo, sporco… Insomma una paradiso!

Cesario_ollie

‘Lo spot di Picozza!’ Così veniva identificato questo bank situato a Torremolinos, cittadina poco fuori Malaga che Ale, la nostra guida spagnola, ci aveva consigliato di visitare per la concentrazione di spot.
Una pioggia di props è caduta in onore dello skater romano quando i ragazzi sono arrivati allo spot e si sono resi conto di quanto ‘peso’ fosse il kickflip over le fioriere chiuso qualche anno fa; difficile sceglierne un altro che fosse paragonabile, quindi l’unico a skateare è stato Ale Cesario, che ha scelto di ollarsi il ledge nella parte più alta: altrettanto onorevole scelta, considerando che Ale ha rifatto il trick fino a quando non lo ha visto perfetto.

Fabio_Kickflip

Una delle poche note dolenti del tour è stato il forte vento che rendeva difficoltose le skateate e ci ha accolto anche all’arrivo in questo spot: una plaza perfetta con scale e rail dove Fabio decide di sfidare Eolo per questo kickflip over. Interessante la sfida tra i due, con il Colombo che cerca di cacciare l’avversario a suon di bestemmie. Ma chi ha la capoccia più dura la vince e Fabio si porta a casa uno dei best trick del tour.

Cesario_Backward

Non ne avevamo abbastanza di Malaga e ci siamo spostati di un centinaio di chilometri verso nord, per raggiungere Cordoba, che, vista la moltitudine di spot, è una delle cittadine spagnole più visitate negli skateboarding tour.
Spot per ogni gusto nel raggio di pochi chilometri, dando la possibilità ad ognuno di lasciare la propria firma: Ale la scrive su questo low to high.

Gummy_Fsollie

Memore del mio attraversamento con il kayak per skateare il ‘glory hole’ in California, non potevo non spingere un po’ per skateare questo spot, che avevo scoperto guardando alcuni clip sulla scena di Malaga qualche giorno prima della nostra partenza. Lo abbiamo addocchiato tra le colline che circondano la città percorrendo il tratto di autostrada che dall’aereoporto ci ha condotto in centro. Ci siamo arrampicati per il fiume e pochi minuti prima del trick Ale è anche caduto in una pozza di fango che lo ha inghiottito fino alle ascelle… Questo è quello che si deve fare per raggiungere un epic spot.

Fabio_BsFlip

Bocca aperta all’arrivo nello spot. Un’installazione architettonica incredibile nel mezzo di una delle tante piazze di Cordoba, maltrattata a suon di trick dai tanti skateboarder che ci sono passati; difficile quindi pensare a qualche NBD da portarsi a casa, ma questo poco conta quando due ore di session indisturbata si concludono con il sorriso e la fotta di passare ad un altro spot.
Segnatevi il nome di questa cittadina spagnola tra le destinazioni dei vostri prossimi skate tour.

Danny_nollie

A quanto ho capito Danny non torna a casa da un tour se non lancia la bombetta che lo fa scordare di essere il più vecchio del gruppo. Fino al penultimo giorno lasciava trasparire la volontà di sputare sangue e dopo aver skateato, guidato e tenuto insieme il gruppo per tutta la settimana decide che è giunto il momento del suo ‘ender’. Perché scegliere uno spot perfetto quando puoi complicarti la vita con un gap con ricorsa a zig-zag e atterraggio in mattonelle autobloccanti? Il Galli ha rimpianto di non avere una decina di anni di meno quando, dopo una serie di tentativi spacca gambe, si è rotta la tavola e ha dovuto rimandare l’esultanza per il trick chiuso al giorno successivo. Per fortuna esistono gli antidolorifici.

Gummy_hurricane

A cosa può servire un quarterino incazzato in un cortile tra i palazzi della periferia di Cordoba se non ad essere skateato? I bambini del posto ci osservavano meravigliati per avergli insegnato un nuovo gioco.

Fabio_FsFlip

Per cacciare degli hammer bisogna confrontarsi con grosse difficoltà…dopo aver tentato un hardflippone al Gusto San Marzano dei suoi ed essersi dovuto arrendere, fabio ha deciso che l’ultimo giorno e l’ultimo trick sarebbero stati i più pesi. Fs Flip dal doppio set e ‘na tazzulella e cafè…

10:44 AM gio, 16 marzo 2017

Related Posts